Haendel

Per scambiarci gli auguri di Buon Natale

 

Della prima parte dell’oratorio di Georg Friedrich Händel “Messiah”, oggetto della sua relazione di ieri sera – a chiusura delle attività di OMNIBUS del 2021 –, Pietro Ciapponi ha sottolineato soprattutto gli aspetti innovativi. L’opera, musicata su un testo composto da una serie di citazioni tratte dall’Antico Testamento e che si allarga al Vangelo di Luca nella descrizione della natività di Gesù, è animata dal desiderio di proporsi come adatta a tutte le componenti della cristianità: cattolici, luterani, anglicani. Questo aspetto “inclusivo” non riguarda però soltanto il discorso religioso, ma altresì quello musicale. Anche in quest’ambito Händel, che dopo un lungo soggiorno in Italia, si presenta nel mondo anglosassone – il “Messiah” è composto a Londra e viene rappresentato per la prima volta a Dublino – come esponente del melodramma italiano, riesce in questo oratorio a collegare fra loro i gusti dell’Europa continentale a quelli del pubblico inglese, contribuendo in questo modo al grande successo del suo lavoro. Il relatore ha illustrato questo aspetto del “Messiah” con esempi tratti dalla parte iniziale dell’oratorio, costituito sul susseguirsi di una serie di “miniature”, piccoli quadri di struttura misurata alla perfezione, dove a un recitativo di gusto francese, segue un’aria che compiace invece la tradizione italiana e quella tedesca, e si chiude con un coro, musicalmente meno complesso, che ingloba la tradizione inglese in un discorso paneuropeo. Ciapponi non ha trascurato il tratto filantropico dell’opera, i cui proventi, per espressa volontà dell’autore , sono andati fin dalla prima esecuzione a enti morali che si occupavano di carcerati e malati, e che ancor oggi mantiene questa sua vocazione solidale. Molti altri sono stati gli spunti alla riflessione offerti dalla conferenza, presentata con un linguaggio semplice e alla portata anche dei non addetti ai lavori. Il numeroso pubblico presente ha dimostrato il proprio apprezzamento con un caloroso applauso finale.

 

classic

yes

Leave a Comment

Articoli Recenti

;